Stampa

La Lettera G'La Lettera G' è una pubblicazione italo-francese, a cadenza semestrale, che si propone di approfondire lo studio del patrimonio simbolico, rituale e operativo della Libera Muratoria, con particolare attenzione alle indicazioni suggerite in tal senso da René Guénon.
In questo numero si parla di: Il Centro di Unione, di Giovanni Testanera; Aspettando l'ora della potenza delle tenebre, di Denys Roman; La Gnosi e la Massoneria, di Palingénius.

Leggi tutto...
 
Stampa

Firenze MassonicaNel 1861, pochi mesi dopo la proclamazione del Regno d'Italia, vide la luce a Firenze la loggia Concordia. Per oltre sessant'anni, fino all'avvento del fascismo, rappresentò la più importante organizzazione massonica della città. L'autore ne ricostruisce la storia e il ruolo svolto nella Firenze postunitaria.
Ma soprattutto pubblica per la prima volta in edizione integrale il libro matricola della edizione integrale il libro matricola della loggia contenente i nomi (quasi mille) di tutti gli iscritti dal 1861 al 1921.

Leggi tutto...
 
Stampa

Tra squadra e compasso e Sol dell'avvenireMarco Novarino ci offre con questo lavoro una riflessione originale sulle origini del movimento operaio italiano, dove vengono analizzate le forme organizzative e i filoni culturali che caratterizzano il passaggio da una cultura democratica repubblicana ad una democratica socialista e dove la presenza di figure massoniche e l'osmosi fra circoli, periodici e logge risultano assai più ampie di quanto non sia apparso finora nella letteratura storiografica.

Leggi tutto...
 
Stampa

Le memorie di un garibaldino, socialista e massoneTra i volontari garibaldini, autori di scritti - per lo più in forma diaristica - sulle imprese risorgimentali (quali Giuseppe Abba, Giulio Adamoli, Anton Giulio Barrili, Achille Bizzini, Giuseppe Bondi, Ismaele Baga, Alberto Mario, Giuseppe Guerzoni), un posto di particolare rilievo spetta al fidentino Luigi Musini.
Il medico borghigiano nei propri diari non scrisse solo delle vicende in cui fu a fianco di Garibaldi a Bezzecca, Villa Glori, Monterotondo e nella campagna dei Vosgi, ma anche del suo impegno politico per il miglioramento delle condizioni materiali del popolo, per la realizzazione di una società più giusta, per il trionfo del socialismo.

Leggi tutto...
 

Pagina 6 di 7

<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 Succ > Fine >>